Esplora contenuti correlati

Ex Convento delle Cappuccinelle

Restauro e rifunzionalizzazione del Complesso dell’ex convento delle Cappuccinelle

L’intervento di restauro e rifunzionalizzazione dell’ex Convento delle Cappuccinelle è finalizzato all’attivazione di un centro di alta formazione delle arti e dell’artigianato artistico con laboratori, sale proiezione, sale espositive, botteghe artigianali e una struttura ricettiva rivolta a giovani, artisti, studiosi e visitatori, nel quadro di un sistema di sussidiarietà e di pluralismo culturale che tiene in massima considerazione la molteplicità di attori che animano il territorio.

Il complesso ha accesso da salita Pontecorvo con impianto pressocché rettangolare che si sviluppa attorno a due corti su quattro livelli, oltre il piano terra e l’ammezzato e comprende l’ex convento e l’ex chiesa. Quest’ultima, costituita da una navata principale sostenuta da quattro coppie di colonne, sarà rifunzionalizzata come sala concerti, offrendo una superficie di 400 metri quadri.

Il centro di alta formazione occuperà una superficie coperta di circa 4.550 metri quadri al piano terra, al primo piano e parte del secondo piano, nonché i due chiostri per una superficie di circa 2.000 metri quadri, mentre la ricettività con i servizi annessi (libreria, ludoteca, bar) sarà allocata su una superficie di circa 3.780 metri quadri coperti e altri 1.100 scoperti, distribuiti sulla restante parte del secondo, terzo e quarto piano.

È previsto il restauro dei chiostri, dei quali il più esteso ha una superficie di 772 metri quadri, il più piccolo di 440, dove verrà riconfigurato il giardino, così come si evince dalle mappe storiche.

Intorno al chiostro grande si svilupperanno le botteghe artigianali, i laboratori e gli studi di artisti distribuiti sui primi tre livelli; intorno al chiostro piccolo troveranno posto i servizi aggiuntivi quali bar, librerie, videoteche, le sale proiezioni e le sale espositive, tra il primo e il secondo piano.

L’intervento prende avvio con una fase di progettazione, preceduta da rilievo metrico e diagnosi strutturale, quindi procede alla fase di esecuzione dei lavori, con consolidamenti ed interventi strutturali e di adeguamento alla normativa vigente in materia di sicurezza dei luoghi pubblici, opere di restauro e risanamento conservativo, opere impiantistiche e fornitura e posa in opera di arredi.

Il progetto si pone in sinergia con altre organizzazioni culturali (ex Opg di Materdei, Museo Nitsch) per la valorizzazione dell’ambito urbano denominato “L’isola di Pontecorvo”, parte del quartiere Avvocata ad essa contigua, con il recupero di importanti strutture pubbliche, religiose e di edilizia privata al fine di configurare un vero e proprio “Quartiere dell’Arte” che costituisca un importante volano di sviluppo artistico-culturale e turistico della città e, al contempo, contribuisca concretamente al recupero dell’identità dei luoghi.

Informazioni Progetto

CUP B67E19000150006
Data Chiusura (presunta) Dicembre 2022
Importo Lavori € 7.500.000,00
Spesa Sostenuta € 0,00
Programma Contratto Istituzionale di Sviluppo per il Centro Storico di Napoli
Fonte Finanziaria Fondo Sviluppo e Coesione 2014 - 2020 (risorse nazionali)
Finanziatore Presidenza del Consiglio dei Ministri
Stato
Condividi: