Esplora contenuti correlati

GP UNESCO

Grande Progetto del centro storico di Napoli – valorizzazione del sito UNESCO

Il programma comprende interventi nell’insieme finalizzati al recupero e alla valorizzazione del centro storico di Napoli non solo attraverso il restauro di monumenti e di edifici storici, ma anche attraverso un’articolata serie di interventi sul tessuto urbano e sulla gestione degli spazi pubblici. L’elenco degli interventi che compongono il progetto è il seguente:

  1. Murazione aragonese in località Porta Capuana: recupero porta Capuana, torri Gloria e Sant’Anna e parte della murazione;
  2. Castel Capuano: riqualificazione e rifunzionalizzazione del complesso;
  3. Complesso Santa Maria della Pace: riqualificazione e rifunzionalizzazione del complesso;
  4. Insula del Duomo: recupero, rifunzionalizzazione di alcuni ambienti e miglioramento fruibilità del complesso;
  5. Complesso Santa Maria della Colonna: riqualificazione e rifunzionalizzazione del complesso;
  6. Complesso dei Girolamini: recupero e rifunzionalizzazione (culturale, con servizi logistici connessi e accoglienza);
  7. Complesso San Lorenzo Maggiore: recupero torre e facciata della chiesa con rifunzionalizzazione del piano ex archivio;
  8. Complesso San Paolo Maggiore: allestimento del museo dell’Opera e pinacoteca. Sistemazione chiostro e sala-auditorium;
  9. Complesso San Gregorio Armeno ed ex Asilo Filangieri: recupero e rifunzionalizzazione di parte del complesso e dell’area archeologica;
  10. Complesso Santi Severino e Sossio: recupero e rifunzionalizzazione finalizzati alla fruizione e alla valorizzazione;
  11. Complesso Santa Maria maggiore – Cappella pontaniana: recupero facciata chiesa e rifunzionalizzazione della cappella;
  12. Chiesa San Pietro a Maiella: riqualificazione e rifunzionalizzazione ad uso pubblico, sociale e culturale;
  13. Chiesa del Monte dei poveri: riqualificazione e rifunzionalizzazione ad uso pubblico, sociale e culturale;
  14. Chiesa di San Pietro martire: riqualificazione e adeguamento funzionale;
  15. Chiesa di Santa Croce al mercato: riqualificazione e adeguamento funzionale;
  16. Chiese raggruppate: riqualificazione e rifunzionalizzazione ad uso pubblico, sociale e culturale;
  17. Complesso dell’Annunziata/Ascalesi: riqualificazione facciate interne e prospicienti piazza Calenda e via Egiziaca a Forcella;
  18. Complesso dell’Ospedale degli Incurabili: recupero della Farmacia e allestimento del “Museo delle arti sanitarie e di storia della medicina”;
  19. Chiesa Santi Cosma e Damiano: riqualificazione e valorizzazione;
  20. Complesso di Santa Maria la Nova: riqualificazione e adeguamento impiantistico;
  21. Cappella Pignatelli: completamento del recupero, restauro e rifunzionalizzazione;
  22. Tempio della Scorziata: recupero e rifunzionalizzazione;
  23. Insula del Duomo: ampliamento scavo archeologico e messa in sicurezza area archeologica;
  24. Complesso San Lorenzo Maggiore: completamento sistemazione complesso archeologico;
  25. Teatro antico di Neapolis: completamento scavo archeologico, restauro e sistemazione. Miglioramento fruitivo;
  26. Riqualificazione spazi urbani: riqualificazione dei tracciati pedonali e carrabili. Rifacimento dei sottoservizi e recupero spazi aperti;
  27. Valorizzazione sistema urbano: bike sharing, piazze wireless, attività di informazione finalizzata ad incentivare la raccolta differenziata;

Particolare rilevanza assume l’intervento di riqualificazione spazi urbani che interessa un numero elevato di strade e piazze dell’antica agorà con l’obiettivo di rifare i sottoservizi, razionalizzazione le reti infrastrutturali primarie (fognarie, fornitura acqua potabile, energia elettrica, gas, ecc.), installare infrastrutture telematiche e sistemi di videosorveglianza con telecamere a circuito chiuso, favorire la Z.T.L., riqualificare i tracciati pedonali e carrabili, individuare micro-aree di sosta, realizzare percorsi pedonali e ciclabili sicuri. Recuperare e utilizzare gli spazi aperti. Realizzare spazi verdi per attività ludico-ricreative e di socializzazione infragenerazionale. Opere di illuminazione e di arredo urbano.

Di seguito l’elenco delle strade e piazze interessate:

  • piazza San Francesco
  • piazza E. De Nicola
  • piazza dei Tribunali
  • Largo Donnaregina
  • via G. Maffei
  • via San Paolo
  • via San Biagio dei librai (parte)
  • vico Monte di pietà
  • vico S. Severino
  • via San Nicola a Nilo
  • via San Gregorio Armeno
  • via Banchi nuovi
  • via Santa Chiara
  • via San Sebastiano
  • via Port’Alba
  • via San Pietro a Majella
  • via dei Tribunali
  • via Armanni
  • via Pisanelli
  • via Anticaglia
  • via San Giuseppe dei Ruffi
  • via Donnaregina
  • via SS. Apostoli
  • via Santa Sofia
  • via S.Giovanni a Carbonara
  • via A . Poerio
  • piazza Mercato
  • piazza del Carmine
  • piazza V. Calenda
  • piazza T. Monticelli
  • piazza Cardinale Sisto Riario Sforza
  • piazza Banchi nuovi
  • piazza Miraglia
  • piazza San Gaetano
  • piazza dei Gerolomini

Il Grande Progetto “Centro storico di Napoli – valorizzazione del sito UNESCO” è stato ammesso a finanziamento per 100 milioni di Euro, a valere sulle risorse del Programma Operativo della Regione Campania 2007 – 2013 il 19 febbraio 2013. Alla chiusura della programmazione (31 dicembre 2015) la spesa sostenuta è stata di € 3.736.380,25. E’ stata riproposta la candidatura per il nuovo ciclo di programmazione (2014 – 2020) per € 96.263.619,75 e il 24 ottobre 2016 la Regione Campania ha ammesso a finanziamento il Grande Progetto sul nuovo Programma Operativo. Ad oggi quattro interventi sono conclusi (Insula del Duomo, Complesso Santa Maria della Colonna, Complesso Santa Maria maggiore-Cappella pontaniana e Cappella Pignatelli), dodici interventi sono avviati (progettazione o lavori), quattro progetti sono in fase di stipula contrattuale e il residuo degli interventi è in fase di istruttoria per il successivo bando di gara.


Bando di gara


Informazioni Progetto

CUP B62I12000140009
Data Chiusura (presunta) Dicembre 2023
Importo Lavori € 96.263.619,75
Spesa Sostenuta € 13.062.097,09
Programma Programma Operativo Regionale
Fonte Finanziaria FESR (75% europea) e Piano Azione e Coesione (25% nazionale)
Finanziatore Regione Campania
Stato In corso
Condividi: