Esplora contenuti correlati

Valorizzazione culturale – Parco Archeologico

Parco Archeologico della Linea Metropolitana 1 a piazza Municipio

Il progetto prevede la realizzazione di un parco archeologico inteso come l’insieme dei reperti e delle preesistenze da valorizzare, che interessa una vasta area urbana, strategica sia dal punto di vista monumentale che trasportistico, contraddistinta altresì da una convergenza di risorse finanziarie che alimentano diversi progetti di sviluppo.

Il parco si comporrà di due “parti”, una “interna” alle stazioni della Linea 1 della metropolitana finanziata con risorse del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per 30 M€ e una “esterna” facente parte di un più ampio “percorso museale” all’aperto che va da piazza del Plebiscito e Palazzo Reale, al Teatro di san Carlo, al Castel Nuovo, al molo Beverello, al Teatro Mercadante et alia: il cuore del centro di Napoli.

L’area di intervento comprende il fossato del Castel Nuovo, alcune porzioni del castello stesso, l’area antistante il castello e quella lungo la via Acton, il ponte di collegamento con il palazzo Reale, la via Riccardo Filangieri di Candida Gonzaga. Tra gli interventi previsti, la riqualificazione del fossato di Castel Nuovo, il restauro delle murazioni e dei contrafforti, la realizzazione di un collegamento verticale tra il fossato e l’accesso di Castel Nuovo, il restauro del ponte di collegamento con Palazzo Reale, la sistemazione degli spalti e la riqualificazione delle aree antistanti il castello e lungo la via Acton. Obiettivo dell’intervento è la creazione di un percorso archeologico di valorizzazione di più monumenti ed episodi architettonici riferiti ad un arco temporale che abbraccia reperti millenari e architetture contemporanee.

Per assicurare l’unitarietà del disegno urbano, il progetto preliminare del parco archeologico sarà redatto in continuità con gli studi e le ricerche già condotte per la redazione del progetto della stazione Municipio e nell’ambito di una collaborazione sinergica tra Comune di Napoli e Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per Napoli.


Per maggiori informazioni sul progetto visita la sezione dedicata


 

Condividi: